AmbienteEnergiaMinipost

AttivaItalia decreto M5S

Ieri, 5 novembre 2014, abbiamo deposto la bara di ambiente e salute davanti alla Camera dei deputati.

Chi dobbiamo ringraziare?

Il Governo, che ci reprime con decreti per favorire lobby incuranti dei cittadini e dello stesso sentimento d’umanità.

Lo Sblocca Italia, ribattezzato Sfascia Italia, è solo il primo di una serie di decreti che devasteranno il nostro avvenire.

Ieri sera, nonostante le coraggiose azioni dei senatori M5S che – ridotti allo stremo – hanno fatto di tutto per rimandare la votazione, lo Sfascia Italia è diventato legge.

Cosa ha impedito di adottare la nostra controproposta per ri-attivare l’Italia?

Attivaitalia decreto M5S

La battaglia non finisce qui…

2 Comments

  1. Rosa Anna
    6 novembre, 2014 at 12:15 — Rispondi

    Prevale un sentimento di impotenza davanti a
    scelte di continuità che non hanno più logica
    Se poi vi si aggiungono le preferenze che gli
    Elettori d’oltre oceano hanno fatto in questi
    giorni c’è da temere che molti umani si stiano
    accanendo a commettere crimini ambientali
    senza tener conto delle conseguenze
    Il liberalismo ha troppo potere e le democrazie
    sono ormai solo ologrammi
    Resta solo da sperare che il sistema cannibalizzi
    se stesso ma ci vorranno anni se non decenni
    C’è da chiedersi se l’eco sistema reggerà ancora

  2. 23 febbraio, 2015 at 03:57 — Rispondi

    Ma che fine fare0 il cloruro di sodio issmemo in atmosfera, precipitere0 sulle coltivazioni distruggendole? Naturalmente le nubi artificiali sarebbero una piccolissima parte rispetto al totale, ma da quello che sappiamo, tutto quello che tocca l’uomo si trasforma in m a.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

ISIN Agostini PD = cricca "a orologeria"

Next post

Suv tram a Torino, passi avanti o indietro?