AgricolturaAmbienteSalute

Verso l’era post-antibiotica: il governo la affronta con una “riduzione spot” del 30%

Come può il Piano Nazionale di Contrasto all’Antimicrobico Resistenza, elaborato con forte ritardo e trasmesso di recente alle Regioni, continuare ad immaginare deboli interventi per contrastare quella che l’OMS definisce un’emergenza planetaria al pari dell’Aids e dell’ebola? Non spaventa l’idea di un’era post-antibiotica in cui non saranno possibili neanche le semplici operazioni chirurgiche? A me spaventa, e dovrebbe spaventare anche la Ministra Lorenzin, che sembra però più interessata ad impegnarsi su altri fronti che ad intervenire drasticamente per scongiurare i 5000/7000 decessi annui in Italia per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici. Antibiotici che assumiamo con troppa disinvoltura ma che soprattutto (per il 70%) vengono somministrati agli animali all’interno degli allevamenti intensivi. L’Italia è infatti il primo Paese europeo per uso di antibiotici umani secondo i dati dell’Isti…

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteCambiamento ClimaticoSalute

Non c’è nulla di etico nella vita di un vegano… dicono

Non lo sapevate? Lo dice un recente articolo che sta spopolando sul web: se escludete dalla vostra alimentazione i cibi di derivazione animale, magari guidati da nobili motivazioni ‘etiche’ come proteggere gli animali e il Pianeta, in realtà state solo peggiorando la situazione! Anzi siete proprio voi vegani la vera causa dello sfruttamento di interi popoli e della devastazione ambientale. Ma siamo proprio sicuri che sia cosi? Per dimostrare questa tesi singolare l’articolo cita diversi esempi: la quinoa coltivata in Perù e Bolivia sconvolgendo l’economia e la biodiversità agraria locale, gli anacardi del Vietnam prodotti col lavoro forzato, la produzione di avocado e soya e la drammatica deforestazione che causano….

READ MORE →
AmbienteEnergiaSaluteScorie nucleari

Rifiuti nucleari: tra insicurezza e incertezza

Un piano incompleto e insoddisfacente. Ecco cosa emerge dalle nostre osservazioni sul Programma Nazionale sulla gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi italiano, osservazioni che potevano essere presentate entro il 13 settembre. Abbiamo steso un documento in cui analizziamo le criticità e manifestiamo il nostro scetticismo. Un programma che presenta molte lacune e che già accusa i colpi degli innumerevoli ritardi che gravitano intorno all’intera procedura: dalla pubblicazione della bozza provvisoria a quella del programma definitivo e degli altri documenti per la consultazione pubblica. Ecco in sintesi alcune criticità che abbiamo riscontrato: – non si fa r…

READ MORE →
AlimentazioneAmbienteOlio di palma insostenibile

La quotidiana (e furba) sponsorizzazione dell’olio di palma

Canta vittoria troppo presto l’associazione dei cittadini ‘Campagne liberali‘ che ormai, quasi fosse un mantra, elogia quasi quotidianamente la sostenibilità dell’olio di palma. Per farlo questa volta ha tirato in ballo il rapporto del WWF Germania del 2016 che analizza le criticità ma anche i vantaggi di questa produzione. Sebbene il rapporto riconosca la maggior resa per ettaro e la versatilità dell’olio tropicale, ammetta le difficoltà nel sostituirlo oggi in tutti i settori e riconosca il fallimento della sua sostituzione con altri oli tropicali non nega però le problematiche ambientali e social…

READ MORE →
AmbienteAzioni discusse con i cittadiniEcologia

Siccità e incendi: sospendere immediatamente la caccia

Uno schiaffo, anzi, un bel destro viene sferrato all’Ispra da parte di regioni e governo. L’Istituto (che ci tengo a ricordare è l’Istituto di ricerca del Ministro dell’Ambiente, non proprio l’ultima ruota del carro) il 28 agosto aveva inviato a regioni e governo una nota in cui si raccomandava di limitare il più possibile la stagione della caccia, data le condizioni davvero critiche degli ecosistemi ital…

READ MORE →
AmbienteEnergiaScorie nucleari

Sogin, incompetenza che avevamo già denunciato: ora rinunci alle sperimentazioni a Trino

Sogin (la società di Stato responsabile dello smantellamento degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi) manda a casa Saipem, l’azienda che avrebbe dovuto costruire l’edificio destinato a cementare la scorie liquide e il deposito “temporaneo” D3 nell’impianto Cemex a Saluggia. Viene accompagnata alla porta perché la costruzione in 4 anni è avanzata solo del 10%. Decisamente non sorprende la risoluzione del contratto (che diventerà ufficiale nei prossimi giorni) per la costruzione di opere nel polo nucleare Eurex di Saluggia. Già due anni fa avevo personalmente chiesto al Governo risposte in merito ai ritardi e alle molte lacune del progetto. L’anno prima avevo invece segnalato il

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteEcologiaMATERIALISalute

Agricoltura del domani – MATERIALI CONVEGNO 14 LUGLIO 2017

In questa pagina potete scaricare tutti i materiali presentati dai relatori al convegno AGRICOLTURA DEL DOMANI: LE ALTERNATIVE CONCRETE PER COLTIVARE IL FUTURO che si è svolto venerdì 14 luglio 2017  presso la Sala della Lupa, alla Camera dei Deputati. Di seguito l’intero convegno e i singoli interventi (clicca sulle immagini per vedere i video).    

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteSalute

La Regione Marche predilige prodotti senza olio di palma nelle mense scolastiche e viene subito diffidata

L’Unione dell’olio di palma sostenibile colpisce ancora. Pochi giorni fa la santa alleanza delle grandi multinazionali del settore alimentare ha mandato una lettera di diffida alla Regione Marche per chiedere di cancellare un suo provvedimento. Ma quale mostruoso crimine avranno compiuto nelle Marche? Durante la discussione del piano per il diritto allo studio 2017/2019, il consigliere M5S Giovanni Maggi è riuscito a far approvare un suo emendamento che stabiliva la necessità di fornire le mense universitarie di prodotti di elevata qualità, anche cercando di “prediligere prodotti non contenenti olio di palma”. Ed ecco quindi la motivazione di questa offensiva legale. Nelle Marche si sono permessi di affermare che l’olio di palma rientra nelle materie prima di bassa qualità e che quindi andrebbero preferiti i prodotti che non lo contengono! Poco importa, e

READ MORE →
AmbienteEcologia

In Trentino per gli orsi è estate “Rossi” sangue

Eh sì, non basta il rosso delle fiamme che sta facendo strage del nostro patrimonio naturale.  Ora ci si mette pure l’ennesima coltellata alle spalle (degli orsi e dei lupi) da parte del biopatico Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma di Trento. Lui ha firmato in tempo di record un’ordinanza per catturare l’orso, protagonista di un incidente avvenuto alcuni giorni fa a Terlago (Trento) che avrebbe ferito un uomo che passeggiava col cane. Al di là di come siano andati realmente i fatti (c’erano i cuccioli nelle vicinanze? il cane non era al guinzaglio e ha spaventato forse l’orsa?) questo evento ha contribuito a facilitare l’apertura della caccia all’orso. Infatti, la Provincia di Trento, subito dopo l’aggressione, ha avuto il via libera dalla Commissione dei Dodici (Commissione paritetica Stato-Regioni per il Trentino Alto Adige) alla presentazione, in Consiglio dei Ministri, della totale …

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteSalute

Produrre cibi sani che difendano la salute di tutti e la dignità di chi lavora è possibile

Esiste un’alternativa praticabile e sostenibile ad un modello di agricoltura che porta sulle nostre tavole cibi scadenti, infarciti di prodotti chimici e che rischia di ingrassare poche multinazionali a discapito della salute e del futuro di tutti noi. Come? Ripensando l’attuale modello produttivo che impoverisce gli agricoltori, il territorio e la biodiversità e aiutando le aziende che da tempo stanno puntando su una produzione di qualità. Praticare un’agricoltura che tuteli ambiente, salute e dignità di chi lavora non è un miraggio. L’Italia in questo potrebbe persino esserne molto più avvantaggiata grazie alla sua biodiversità, ad un sistema di piccole e medio aziende e a una lunga tradizione di buona e sana cucina mediterranea. Perché stiamo rischiando di giocarci questa carta portando sui nostri piatti junk food ameri…

READ MORE →
AgricolturaAmbienteEcologia

Siccità: un’emergenza prevedibile

In alcune zone d’Italia non piove da mesi, l’inverno è stato particolarmente asciutto e la rete idrica nazionale fa letteralmente acqua da tutte le parti. La siccità sta mettendo in ginocchio l’Italia. E ora tutti gridano all’emergenza, ma quale emergenza? Quale sorpresa?! Ci si riduce all’ultimo, sperando che le cose in qualche modo si sistemino da sole, continuando tra l’altro, e incredibilmente, a sottovalutare gli effetti del cambiamento climatico. Il Paese si trova oggi in seria difficoltà con i 2/3 dei campi coltivati a secco. Per la siccità si contano danni ovunque: dal Piemonte, regione con la maggior superficie coltivata a riso in Europa (coltura che necessita di molta acqua) fino ad arrivare alla Sicilia, devastata, come tante altre regione del sud Italia, dagli incendi. L’agricoltura sta soffrendo incredibilmente, Coldiretti calcola danni per 2 miliardi…

READ MORE →
AmbienteEcologiaSalute

Assenteismo del Governo: sul nucleare #lasolitascoria

La breve parentesi del nucleare italiano ha lasciato una eredità molto pesante. Parliamo decine di migliaia di metri cubi di rifiuti radioattivi ora stoccati nei depositi temporanei della Sogin (la società di Stato incaricata dello smantellamento degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi). Rifiuti che sono sparsi per il territorio italiano in pessime condizioni di sicurezza. Basti pensare che solo a Saluggia, in provincia di Vercelli, sono concentrate in un’area totalmente inadeguata praticamente tutte le scorie più pericolose: quelle ad alta attività. Una situazione di rischio costante per i cittadini. Ma oltre il danno si aggiunge la beffa perché il ritardo di Sogin e del governo nel trovare una sistemazione “definitiva” a questi rifiuti pesa anche sulle bollette. Ebbene sì, perché ognuno di…

READ MORE →
AmbienteCambiamento Climatico

Cambiamento climatico: fare meno figli e viaggiare meno ci salverà

Il cambiamento climatico è il risultato dell’accumulo di gas serra nell’atmosfera ma è anche il frutto di miliardi di decisioni e comportamenti individuali. E proprio per questo ognuno di noi può fare la differenza. Non è uno slogan ma lo dicono i risultati di un recente studio “The climate mitigation gap: education and government recommendations miss the most effective individual actions”. La ricerca avrebbe individuato una serie di “comportamenti” colpevoli che se “corretti” potrebbero essere fondamentali per ridurre l’impatto delle emissioni annuali prodotte da ogni individuo. La ricerca parla di 4 azioni in particolare da intraprendere, di cui una con implicazioni etiche non indifferenti: fare meno figli. Secondo lo studio …

READ MORE →
AmbienteDirittiEcologia

200 ambientalisti uccisi in un anno: mai così tanti

Difendere l’ambiente costa sempre più caro. Non parliamo di soldi ma di vite umane. Secondo il rapporto pubblicato oggi dall’organizzazione Global Witness almeno 200 ambientalisti nell’arco del 2016 hanno perso la vita per difendere il loro territorio. Numeri drammatici: per Global Witness la cifra è aumentata del doppio rispetto ai due anni precedenti. La stessa organizzazione parla di dati sottostimati avendo difficoltà a reperire tutti i dati. A registrare le perdite più numerose il Brasile, con 49 morti. Subito dopo c’è la Colombia, con 37 e poi le Filippine con 28. Infine c’è l’India, con 16 vittime. Non posso non ricordare Berta Cáceres, uccisa nel 2016 in Honduras che ha lottat…

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbientecambiamento climaticoEconomiaSalute

Agricoltura del domani: le alternative concrete per coltivare il futuro

L’agricoltura sta vivendo un momento particolarmente difficile e complesso: anni di crisi che hanno messo in ginocchio il settore, ai quali ora si aggiunge anche il cambiamento climatico. In Europa, nel 2016, le aziende agricole hanno perso in media 14 punti percentuali di reddito. E le aziende italiane non sono da meno, in particolar modo quelle meridionali che rappresentano, con una perdita del 30%, il fanalino di coda di questa classifica. Un’agricoltura schiacciata dagli alti costi produzione in crescita anche a causa di un modello di produzione fragile e eccessivamente dipendente dalla chimica. Alti costi di produzione che si traducono in bassi ricavi per gli agricoltori, esposti ad una spietata competizione internazionale alimentata dai trattati di libero scambio -TTIP, CETA-, che vanno nella direzione opposta alla tutela della qualità e delle …

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteSalute

CETA, no grazie! E ripensiamo a un’economia dal basso

Falso e ipocrita il ministro Martina. Dopo aver promesso un’etichettatura per salvare il riso locale dall’invasione di prodotti esteri a poco prezzo, il sedicente difensore della nostra agricoltura non sta facendo nulla per fermare l’accordo commerciale tra Ue e Canada, il cosiddetto Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement) che permetterà  a materie prime con standard inferiori ai nostri di arrivare sulle nostre tavole e che penalizzerà enormemente la qualità, i territori, i diritti, il lavoro, la salute e l’ambiente. Il 27 giugno, nonostante le tante persone scese in piazza del Pantheon, a Roma, per esprimere tutta la loro disapprovazione su questo trattato, il Ceta ha incassato la prima approvazione in commissione Affari esteri del Senato. Un accordo che avrà inevitabilmente impatti negativi sull’economia delle nostre regioni. Ne …

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteSalute

Antibiotico resistenza: nel mondo è allarme (ma qui tutto tace)

Antibiotico resistenza: nel mondo è allarme (ma qui tutto tace) Oltre 15 morti al giorno solo in Italia (7mila all’anno); 700mila morti nel mondo nel 2016; 10 milioni di morti entro il 2050. La causa si chiama ANTIBIOTICO RESISTENZA, un’emergenza sanitaria globale di cui nel nostro Paese nessuno parla.  Fuori dall’Italia la resistenza antibiotica è considerata un problema tanto serio quanto urgente, mentre qui né media né politica sembrano interessati ad affrontare la questione. Una questione che nel resto del mondo sta allarmando governi, scienziati e giornalisti. Ma non solo… anche il mondo della finanza si sta accorgendo della gravità della faccenda. Proprio in questi giorni è stato pubblicato un report di AMP Capital, una delle più grandi…

READ MORE →
AlimentazioneAmbienteEcologiaSalute

Bambini avvelenati: oltre 54 contaminanti differenti in ciascuno

Bambini avvelenati: oltre 54 contaminanti differenti in ciascuno… Aria, acqua e alimentazione: tre cose di cui non si può fare a meno ma che nascondo non poche insidie. Oltre 130 secondo una video-inchiesta della TV francese che ha calcolato il numero di residui chimici di pesticidi a cui ogni giorno ci sottoponiamo. La ricerca condotta dall’associazione dei consumatori francesi “60 millions de consommateurs” ha recentemente denunciato cifre incredibili, soprattutto legate ai bambini il cui organismo risulta contaminato da un cocktail di decine di inquinanti. In particolare, l’analisi dei capelli dei bambini ha evidenziato dati drammatici sui pesticidi nel loro corpo: fino a 44 pesticidi presenti e 54 contaminanti differenti per lo stesso bambino, con una media di 34 molecole classificate come potenziali interferenti endocrini….

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteSalute

Acqua avvelenata

Non solo glifosato. Anche alaclor, atrazina, terbutrina e clorpirifos invadono le falde acquifere italiane nel silenzio e nell’indifferenza generale. Tanto che male potrà mai fare un pesticida in più nelle nostre già martoriate acque? In realtà un po’ di differenza la fa. Questi nomi che ai più non diranno assolutamente nulla sono in realtà veri e propri veleni che ormai hanno infestato completamente i nostri suoli, l’acqua e di conseguenza il cibo che arriva sulle nostre tavole. A dirlo è il secondo rapporto dell’Ispra sui pesticidi 2013-2014 (ossia l’ultimo pubblicato, disponibile a questo link) secondo cui queste sostanze si trovano in concentr…

READ MORE →
AmbienteEcologiaSalute

MORIRE D’INQUINAMENTO, L’ITALIA PAGA PER FARLO

66000 morti premature all’anno. 66000 morti premature all’anno di cui nessuno parla, nessuno sa, nessuno vuole vedere. Perché? Perché sono morti da inquinamento. Un tema su cui uno Stato dovrebbe e potrebbe fare molto ma sul quale lo stato italiano non vuole fare nulla. E il motivo è presto detto: tutelare la salute dei cittadini significa prima di tutto tutelare l’ambiente e il nostro territorio, fare prevenzione, educazione e informazione; scontentare un po’ di lobby – soprattutto quelle del tanto amato fossile – e investire in alternative sostenibili ed ecologiche. Questa inefficienza ha fatto dell’Italia lo Stato europeo più colpito in termini di mortalità connessa al particolato. Ma malgrado questo il nostro governo non ha adottato alcuna misura legislativa o amministrativa idonea a risolvere il problema dell’inquinamento atmosferico.  Dalla Commissione europea è arrivato così l’ennesimo monito …

READ MORE →