AlimentazioneAmbientecambiamento climaticoEcologiaEnergiaPoliticaSalute

Onu: inquinamento uccide più di guerre

Uccide più l’inquinamento che la guerra! A dirlo sono i dati del rapporto dell’agenzia dell’Onu per l’Ambiente (UNEP) e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), presentato a Nairobi, in Kenya, alla seconda Assemblea delle Nazioni unite per l’Ambiente (UNEA2). Secondo questi numeri il numero di persone uccise dall’inquinamento è 234 volte superiore a quello delle vittime dei conflitti: sono 7 milioni le persone all’anno in tutto il mondo vengono uccise dall’inquinamento. Lo studio, condotto da 2.300 delegati di 170 paesi diversi, rivela cifre incredibili: in un anno (nel 2012) 12,6 milioni di morti premature nel mondo (23%) sono da attribuirsi a condizioni ambientali degradate. Questo sviluppo, quello che chiamano progresso, è la t…

READ MORE →
enel
AmbienteAzioni discusse con i cittadiniEcologiaEnergiaPoliticaSalute

ENEL, ENERGIA MACCHIATA DI SANGUE

Il viaggio del carbone dalla Colombia all’Italia è un percorso di violenza e morte che avviene nel silenzio dei media e con il benestare della politica. Quello del carbone è un mercato macchiato dal sangue dei colombiani in cui a farla da padrone sono la società statunitense Drummond e la svizzera Prodeco, entrambe in accordi con le maggiori compagnie energetiche europee, ENEL inclusa. Accordi a dir poco imbarazzanti, visto che i due giganti del carbone sono stati ripetutamente accusati di gravissime violazioni dei diritti umani e di aver commissionato omicidi e torture di sindacalisti e abitanti delle aree circostanti le loro miniere. Come Movimento 5 Stelle nelle scorse settimana abbiamo incontrato Mayra Mendez Barboza, figlia di Candido Jose Mendez, ex lavoratore della Drummond, ucciso il 19 febbraio del 2001 a Cruce De Chir…

READ MORE →
AmbienteDirittiEcologiaEnergiaSaluteSostenibilità

Grassi animali come biocarburanti. Di cosa parliamo?

La Greenoil sta pensando di costruire un impianto a Mottalciata (BI) per ricavare bio-oil da grassi animali… ma davvero qualcuno crede che bruciare carcasse di animali sia una possibile soluzione? Non si tratta di un caso isolato. Molti impianti già autorizzati per la combustione di oli vegetali stanno cercando di poter utilizzare anche materiale derivato da grassi animali. Le nuove tecnologie hanno infatti esteso le possibilità d’impiego dei sottoprodotti di origine animale o dei prodotti derivati ad un ampio numero di settori produttivi, e in particolare per la produzione di energia. Tuttavia, l’applicazione di tali nuove tecnologie potrebbe implicare rischi sanitari e ambientali.

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteAttività M5SEcologiaEnergiaGlifosatoPoliticaSaluteSostenibilità

NO AL GLIFOSATO, NO A UN’EUROPA IN MANO ALLA MONSANTO

Cavolfiore, lenticchie, porri, fichi, pompelmi, patate, frumento, avena. Ma non solo: anche in 14 tipi di birre tedesche sono state trovate voluminose tracce di glifosato! Il glifosato è il diserbante della Monsanto più usato al mondo e il componente principale di almeno l’80% degli erbicidi in commercio in Italia. Nel mondo è molto diffuso nelle coltivazioni Ogm, modificate appunto per diventare resistenti all’erbicida, come, per esempio, nel caso della soia roundup-ready. Quest’ultima (anche nei Paesi che vietano di coltivare ogm) viene comunque impiegata come mangime per gli animali. Nessuno è immune. La presenza sua e dei suoi metaboliti contamina suolo, atmosfera, acqua e finisce in ciò che mangiamo. In Lombardia, l’unica regione che ha cerca la sua presenza nelle acque, il glifosato supe…

READ MORE →
AmbienteAttività M5SEcologiaEconomiaEnergiaTutela del mareTutela del suoloTutela del territorio

L’Italia è una bomba atomica, Ue interverrà

E’ gravissimo e niente affatto rassicurante il valzer di annunci e smentite in merito alla pericolosità di fughe radioattive nelle acque superficiali vicine al deposito di scorie nucleari di Saluggia, comune della provincia di Vercelli dove si concentrano la maggior parte dei rifiuti radioattivi. Pochi giorni la Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, in Piemonte per una visita ispettiva, ha reso nota una contaminazione radioattiva della falda superficiale. Sebbene la Sogin, società incaricata dello smantellamento dell’eredità nucleare, si sia affrettata a smentire la correlazione con l’impianto Eurex, addossandola al vicino impianto di Sorin. Insomma, cambia la sigla ma non il pericolo per i cittadini. Come riporta un articolo de La Stampa del 25 gennaio, l’anomalia del resto non è isolata: durante l’estat…

READ MORE →
EconomiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NO

Tremiti: Governo svende paradiso naturale a 2000 euro

Non si può restare impassibili di fronte a un Governo che ancora una volta antepone gli interessi delle lobby industriali al bene comune. Il caso delle isole Tremiti è emblematico del modo di procedere di questo Governo: l’autorizzazione di trivellare data alla Petroceltic è uno scandalo che va assolutamente fermato. Per più di un motivo. Intanto l’autorizzazione è stata concessa con una tempistica quantomeno imbarazzante: esattamente 24 ore prima del varo della legge di Stabilità che fissa norme più stringenti per le società petrolifere. Poi per la società in questione: la Petroceltic Italia srl, società sull’orlo del fallimento, una liquidità che, secondo alcuni esperti, finirà entro questo mese e i cui trascorsi finanziari sarebbero quanto meno discutibili e segnati da ombre, come ad esempio il trasferimento illegale di fondi. Per il canone che riscuoterà l…

READ MORE →
Deposito rifiuti radioattivi
AmbienteEnergiaScorie nucleari

Nucleare: quanto ci costeranno i calcoli elettorali del governo?

Si sa, l’Italia è il paese delle emergenze. Finché non succede nulla di grave meglio non svegliare il can che dorme. Meglio lasciare le pericolosissime scorie radioattive in situazioni precarie, in depositi temporanei costruiti in luoghi totalmente inadatti. Meglio non dire alla popolazione il rischio che sta correndo. Meglio non ricordare la motivazione per cui i comuni ricevono denaro, i cosiddetti fondi Scanzano, per mitigare e compensare il rischio gravissimo a cui sono esposti i cittadini che vivono in prossimità di questi depositi. Ma se in Italia siamo abituati a reagire solo dopo che è successa la tragedia in Europa sono abituati a far rispettare le scadenze. E un’importante scadenza per l’Italia era il 31 dicembre 2014. Entro quella data il nostro Governo avrebbe dovuto presentare un programma nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi. Il programma avrebbe dovuto contenere un pi…

READ MORE →
rinnovabili all'angolo
Ambientecambiamento climaticoCambiamento ClimaticoEnergiaPoliticaScorie nucleari

Rinnovabili: nuovi progetti o solo bluff?

Si è parlato tanto di clima e rinnovabili, soprattutto durante i giorni di COP21. In tanti si sono stracciati pubblicamente le vesti in nome della difesa del clima, dello sviluppo delle rinnovabili e del dovere tentare di mantenere la vita su questo pianeta per come la conosciamo. Eppure, la realtà è tristemente lontana dalle dichiarazioni sentite a Parigi: sia in Italia che all’estero dominano incontrastati i combustibili fossili. E fra chi avrebbe i mezzi per dare un decisivo impulso alle energie pulite, c’è chi si imbarca in (folli) progetti nucleari. Partiamo dai fossili. In tutto il mondo, al momento, sono la principale fonte di energia. Salvo qualche rara eccezione, carbone, gas e petrolio continuano a soffocare (letteralmente) ogni possibilità di reale sviluppo alternativo. Complici gli aiuti (gen…

READ MORE →
AmbienteAttività M5Scambiamento climaticoCambiamento ClimaticoEcologiaEconomiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NOLavoroMobilità sostenibileRisparmio energeticoTutela del territorio

Telelavoro: salvare l’ambiente lavorando da casa

“Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno in tutta la tua vita”. Questa frase di Confucio sta a dimostrare come da sempre un lavoro piacevole sia ritenuto fondamentale per una buona qualità della vita. Credere in ciò che si fa e amare il proprio lavoro sono prerequisiti fondamentali per aiutarci a sopportare la fatica di una vita stressante e con ritmi frenetici. Tuttavia, dando per scontato di aver avuto la possibilità di svolgere il lavoro desiderato, la motivazione e la passione si scontrano spesso con le modalità e le condizioni del lavoro. Lo ‘stress lavoro correlato’, come dimostrano anche recenti ricerche, è una condizione che interessa in Europa circa un lavoratore su quattro, circa 40 milioni di lavoratori, con conseguenze pesanti per la vita personale e lavorativa. Oltre a tutte le implicazioni sulla qualità della vita e il benessere individuale, gli effetti dello s…

READ MORE →
Ambientecambiamento climaticoCambiamento ClimaticoEcologiaEconomiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NOPoliticaRisparmio energetico

Rinnovabili: Italia solo 27ª

Se c’è una cosa che sta emergendo con estrema chiarezza in questi giorni alla COP21 di Parigi è la necessità di dovere passare al più presto ad un sistema energetico basato sulle rinnovabili. Se così non sarà, infatti, la già insufficiente soglia dei 2 gradi centigradi entro cui contenere il riscaldamento globale sarà ben più che superata, con tutti gli effetti nefasti di cui abbiamo più volte parlato su questo blog. Ma a quanto pare il lavoro da fare è ancora molto, anche in Italia, affinché la transizione energetica possa diventare realtà. Secondo uno studio della Stanford University, il mondo industrializzato (e non solo quello) è completamente dipendente dalle fonti fossili. Si chiamano Mark Jacobson e Mark Delucchi, e sono due ricercatori dell’Università di Stanford, ne…

READ MORE →
Ambientecambiamento climaticoCambiamento ClimaticoEcologiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NOLavoroRisparmio energetico

La più grande centrale solare al mondo in Marocco

In questi giorni in cui grazie alla COP21 il clima è una volta tanto al centro dell’attenzione globale, sembrano avere ancora più valore le iniziative che portano a ridurre le emissioni di gas climalteranti e la dipendenza dagli sporchi combustibili fossili proiettando verso un futuro che è fatto di tutt’altre fonti energetiche. Soprattutto se queste iniziative arrivano da Paesi che noi civili europei e sviluppati occidentali amiamo ritenere più “indietro” dei nostri. È il caso del Marocco, dove il desiderio di liberarsi dalla schiavitù dei fossili necessari a produrre l’elettricità che acquista dalla Spagna, ha portato alla costruzione della centrale solare forse più grande del mondo. L’impianto verrà inaugurato questo mese, sorgerà nel deserto del Sahara…

READ MORE →
traffico rifiuti nucleari
AmbienteAttività M5SEcologiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NOMinipostMozioniPoliticaSaluteScorie nucleariTutela del territorio

Scorie nucleari: zero controlli alle frontiere

Oggi ho presentato un’altra interrogazione sulla questione della sicurezza nucleare nel nostro Paese. Anzi, dovrei dire sull’insicurezza. Quando di parla di rifiuti radioattivi e trasporti di scorie, infatti, l’Italia riesce a distinguersi per inefficienza, malagestione dei rischi e indisposizione a comunicare le eventuali misure di emergenza alle popolazioni potenzialmente interessate. Da cosa? Dal via vai di scorie nucleari e materiali radioattivi da e per la Francia, ad esempio, che va avanti ormai da molti anni. In base al nostro ordinamento, il Ministero dell’Interno, tramite il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, dovrebbe effettuare i controlli alle frontiere per evitare che entrino nel nostro Paese sostanze radioattive, ma per qualche ragione i nostri vigili del f…

READ MORE →
addio alle fonti fossili
Ambientecambiamento climaticoCambiamento ClimaticoEcologiaEconomiaEnergia

Presto diremo addio alle fonti fossili

Manca meno di un mese alla Conferenza sul clima COP21 di Parigi, e gli esiti di questo importante (e si spera non inutile) evento sono tutt’altro che scontati. Se però restano forti dubbi sulla volontà politica di alcuni “grandi” decisori del pianeta di arginare il fenomeno del cambiamento climatico, buone notizie arrivano invece dal mondo delle energie alternative. Che, grazie al boom delle rinnovabili e ad alcune scommesse sbagliate dei colossi petroliferi, porteranno presto le fonti combustibili fossili ad essere solo un brutto e sporco ricordo. Partiamo dalla notizia più interessante: in Germania (che si sta pure definitivamente liberando del nucleare) e nel Regno Unito, l’energia prodotta da fonte eolica è diventata la più economica in assoluto. E questo senza nemmen…

READ MORE →
AgricolturaAmbienteAttività M5SDirittiEcologiaEconomiaEnergiaLavoroPoliticaTTIPTutela del territorio

Tutta Europa contro il TTIP

La settimana contro il TTIP sta procedendo al meglio in tutta Europa. Partita sabato scorso con una manifestazione che solo a Berlino ha portato in piazza oltre 250mila persone (vedi foto), la mobilitazione internazionale per dire NO a questo assurdo trattato contro l’ambiente e i diritti umani sta vedendo il proliferare di iniziative che, in tutto il vecchio continente, protestano contro ciò che potrebbe cambiare per sempre le nostre vite. In peggio, ovviamente. Come ricorda Huffington Post, in Italia questa importante battaglia è portata avanti soprattutto dal Movimento 5 Stelle. Per non parlare di giornali e telegiornali: avete mai visto un servizio serio sul TTIP sul TG delle 20:00, o sulla

READ MORE →
pet-coke
AmbienteAttività M5Scambiamento climaticoEcologiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NOM5S News in evidenzaPoliticaRifiutiSaluteTutela del territorio

Pet-coke: Renzusconi colpisce ancora

Sapete cos’è il pet-coke? È l’ultimo scarto del petrolio e contiene sostanze estremamente pericolose per la salute umana e la salubrità dell’ambiente. Se oggi è considerato nel nostro ordinamento un combustibile a basso costo ambito da molte aziende perché commercialmente conveniente, gli italiani devono ringraziare Silvio Berlusconi, che nel 2002 per fare un favore ad ENI ha modificato la normativa che lo classificava come rifiuto pericoloso. E Matteo Renzi, che oggi ne sta favorendo la diffusione. Il 2 marzo 2002, la magistratura ordinò il sequestro di due depositi di pet-coke (o petroleum coke, un carbone ottenuto attraverso la carbonizzazione delle frazioni a elevata temperatura di ebollizione prodotte durante la distilla…

READ MORE →
sistema auto_marcio
AmbienteAttività M5Scambiamento climaticoCambiamento ClimaticoEcologiaEconomiaEnergiaM5S News in evidenzaMobilità sostenibileMozioniPoliticaProposte Di LeggeSalute

Il sistema dell’auto è TUTTO marcio

Non è solo la ‪Volkswagen ad avere falsificato i dati sulle emissioni inquinanti delle sue automobili! Anche le auto di Renault, Jeep, Nissan, Hyundai, Citroen, Fiat, Volvo e molte altre marche emettono molti più ossidi di azoto (NOx) di quanto dichiarato, se misurate con test che simulino in maniera più realistica il loro reale comportamento in strada. In altre parole, l’intero sistema dell’auto è completamente marcio! Secondo una ricerca di ADAC, il principale Automobilclub europeo, addirittura 9 auto diesel su 10 emettono in media 7 volte più azoto di quello permesso. Lo ha rivelato un dettagliato

READ MORE →
AgricolturaAmbientecambiamento climaticoCambiamento ClimaticoDirittiEcologiaEnergiaMozioniPolitica

Italia a serio rischio desertificazione

L’Italia è uno dei paesi più vulnerabili e maggiormente interessati alla questione dei cambiamenti climatici. Alla pessima gestione del territorio, infatti, si aggiunge l’intensificarsi di alluvioni ed eventi climatici estremi che ci hanno già fatto vedere anche quest’anno le prime tragedie del “maltempo”. Un fenomeno di cui invece si parla molto meno, ma che è sempre più preoccupante, è quello della desertificazione: una piaga che sta colpendo a fondo il nostro paese. Nonostante un governo più innamorato delle trivelle che dell’efficienza energetica e delle rinnovabili, nonostante un popolo in gran parte più preoccupato delle sorti di una squadra di calcio che della capacità di produzione agricola nazionale, nonostante giornali che scrivono sempre di gossip pubblicano foto di gattini che giocano invece che uno straccio d…

READ MORE →
ttip: lo stato paga, il giudice guadagna
AgricolturaAmbienteDirittiEcologiaEconomiaEnergiaPoliticaTTIPTutela del territorio

TTIP: lo Stato paga, il giudice guadagna!

Il disinteresse della Commissione europea per la montante opposizione pubblica per il TTIP e le schifezze in esso contenute civile peggiora di mese in mese. Così come i suoi costanti tentativi di tutelare gli investitori esteri a scapito della società civile. Con il suo finto piano di riforma dell’ISDS (clausola che permetterebbe agli investitori esteri di citare in giudizio gli Stati una volta messi a rischio dalle leggi locali le loro possibilità di guadagno), ormai, non fa più nemmeno finta di non volere fare gli interessi delle corporation. Né di trattare noi cittadini europei da perfetti imbecilli. Come riporta la Campagna Stop TTIP Italia, il vice presidente della Commissione europea, Frans Timmermans ha affermato che “il nuovo sistema sarà composto da …

READ MORE →
incompetenza radioattiva
AmbienteEcologiaEnergiaFuturo SÌ Futuro NOInfo-parlamentoM5S News in evidenzaPoliticaSaluteScorie nucleariTutela del territorio

Governo Renzi: incompetenza radioattiva

Il nucleare non ha futuro, né in Italia né nel resto del mondo. Ma ci ha lasciato un’eredità radioattiva pesante e pericolosa. Che, ovviamente, non può essere gestita dall’incompetenza di incapaci o cialtroni. Qualche giorno fa, come sapete, ho scritto al Commissario europeo sull’energia e il clima, Miguel Arias Canete, per chiedere un’azione di controllo nei confronti del governo Renzi. I suoi continui ritardi nella divulgazione dell’elenco dei siti idonei per la costruzione del Deposito nazionale per le scorie nucleari sono infatti un rischio per tutta Europa, non solo per noi italiani. L’Italia è uno dei pochi Paesi in Europa che ancora non si è dotato di un sito di stoccaggio permanente dei rifiuti atomici, come previsto dalla Direttiva del Consiglio Euratom 2011/70. Eppure, Renzi preferisce andare a vedere le part…

READ MORE →
Deposito rifiuti radioattivi
AmbienteAzioni discusse con i cittadiniEcologiaEnergiaMinipostPoliticaScorie nucleariTutela del territorio

Deposito scorie nucleari: appello all’Ue

Oggi ho scritto al Commissario europeo sull’energia e il clima, Miguel Arias Canete per chiedergli un’azione di controllo nei confronti del governo Renzi. I suoi continui ritardi nella divulgazione dell’elenco dei siti idonei per la costruzione del Deposito nazionale per le scorie nucleari non è più accettabile. Se il Ministro Galletti e il Ministro Guidi ritengono di poter continuare a far finta di nulla, si sbagliano di grosso. Non abbiamo più intenzione di starcene con le mani in mano, in attesa che qualche esponente del governo Renzi ci venga a dire dove verrà fatto questo deposito. I cittadini italiani hanno diritto di sapere se il loro prossimo vicino di casa sarà un deposito nucleare. E se questo è il modo in cui i nostri ministri intendono gestire quest’emergenza, è bene mettere in chiaro da subi…

READ MORE →