AmbienteEcologia

E di veleni saziami

E’ nauseante quello che sono in grado di fare….

Per anni hanno farcito le nostre terre di rifiuti tossici e cancerogeni. Avvelenato terra, acqua ed aria e condannato uomini, donne e bambini ad una vita di sofferenza e malattia.

Pensiamo alle tante “terre dei fuochi” e dei veleni di questo paese. Ancora da scoprire o già scoperte e trasformate in siti da bonificare….. per la gioia ed il guadagno di chi potrà anche lucrarci sopra  grazie alle semplificazioni e alle deroghe del DL 91 di questo governo (leggi qui).

Ma la frontiera è da tempo cambiata per chi ha a cuore solo il proprio tornaconto… Le nuove aree avvelenate sono i porti del Senegal, del Corno d’Africa, dell’Europa dell’Est (Romania, Bulgaria, Ucraina) o della Turchia o ancora della Cina.

I costi per rispettare l’ambiente e la salute sono troppo alti, quindi meglio disfarsene al minore costo possibile. Come nella città di Abidjan in Costa d’Avorio, dove la multinazionale europea Trafigura, leader mondiale del settore degli idrocarburi, sversa 530 metri cubi di rifiuti proprio in mezzo alla metropoli, tra bidonville e discariche abitate…

C’è qualcosa di profondamente malato nel modo in cui troppi di noi concepiscono il mondo…

La rivoluzione parte da noi stessi. Dobbiamo tornare a comprendere quello che fu espresso dal capo indiano Seattle nel 1852:

“Tutte le cose sono collegate, qualunque cosa succeda alla terra succede ai figli della terra. 

L’uomo non ha tessuto la trama della vita: egli è un filo. 

Qualunque cosa egli faccia alla trama egli lo fa a se stesso.”

 

Fonte Ilfattoquotidiano

Previous post

Bioetanolo....evaporato!

Next post

Cibo vegetale nella preistoria