AgricolturaAlimentazioneAmbienteAttività M5SEcologiaEventiFuturo SÌ Futuro NOTutela del territorio

La rivoluzione in un Permablitz

Ieri sono stato all’EcoFestival di Mentana, in provincia di Roma. Lì, fra miniconferenze tematiche e dibattiti sull’ambiente, stand Gastronomici e Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) con prodotti a Km Zero, si è parlato di Salute, Ambiente e Sostenibilità. E l’associazione Resilienze, con cui è stato possibile realizzare un mini-bancale sinergico, ha ricordato ai presenti l’importanza di un Permablitz!

Che cos’è?

Si tratta di un incontro informale che, anche solo per un giorno, coinvolge un gruppo di (almeno due) persone desiderose di creare un piccolo orto, condividere esperienze e competenze relative alla permacultura e agli stili di vita sostenibili, costruire una comunità e perché no, divertirsi.

In pratica, l’obiettivo è quello di rendere prati di periferia inutilizzati, cortili e giardini in orti pieni di ortaggi, alberi da frutta e frutti di bosco.

Il termine Permablitz è una contrazione di Permacultura e Blitz, inteso come sforzo mirato e istantaneo per raggiungere un obiettivo comune. A partire da quello di tornare alla terra.

I Permablitz sono iniziative libere, pubbliche, e oltre al lavoro della terra propongono workshop e incontri che, oltre a insegnare molto, fanno trascorrere delle ore molto piacevoli con persone che hanno capito che la domenica è più bella, quando la si spende all’aria aperta invece che in uno squallido centro commerciale.

Alla base di tutto sta però la permacultura, metodo per progettare e gestire il paesaggio in modo da potere soddisfare bisogni come quello di cibo e di energia tenendo conto della ricchezza e stabilità degli ecosistemi naturali. E soprattutto della resilienza, la capacità di affrontare un profondo cambiamento senza subire grossi traumi.

Proprio quello di cui ha bisogno la nostra società.

Non a caso in Italia i Permablitz più importanti sono forse quelli organizzati dall’associazione Resilienze, la stessa a cui dobbiamo la bella giornata di ieri a Mentana.

Il Permablitz Prenestino, in effetti, è diventato un appuntamento importante per sempre più persone. Fate un salto a una delle loro iniziative, quando potete. C’è ad esempio in programma un Laboratorio Vegano al MegaOrto circolare di Emmaus, il prossimo 12 luglio…

La rete dei Permablitz si basa sulla reciprocità, sulla convivialità, sulla voglia di fare, di cambiare, di abbandonare questo vecchio mondo sporco, violento e corrotto.

Purtroppo, però, fa più rumore un albero che cade che un’intera foresta che cresce.

Ieri, sui media italiani, si è infatti potuto sentire e leggere solo dei “tafferugli” in Val di Susa. Delle decine di eventi e iniziative come quella di Mentana che si sono organizzate in tutta Italia neanche una parola.

Eppure il nuovo paradigma non è un sogno lontano che vive solo nelle teste di pochi visionari. Un nuovo modello c’è già e sta crescendo. Anche se molti non se ne sono ancora accorti. Inclusi politici e giornali sempre più noiosi che, chiusi in realtà tutte loro, si vantano pure di vederci lungo.

Previous post

Il gioco dell'orso

Next post

Altro colpo a un TTIP senza vergogna