AlimentazioneAmbienteCambiamento ClimaticoDirittiSostenibilità

Risposta della Vigilanza Rai alla richiesta di sospensione dello spot sull’olio di palma sostenibile

Lo Stato deve difendere la salute del cittadino?

Noi ne siamo fortemente convinti e del resto è scritto nella nostra Costituzione, ma in uno Stato governato da politicanti passacarte delle lobbies spesso questo non corrisponde a realtà.
Ci troviamo di fronte al caso di una pubblicità evidentemente ingannevole sull’olio di palma diffusa sul web, la carta stampata e le televesioni nazionali e per la quale abbiamo fatto un’interrogazione alla vigilanza Rai chiedendo la sospensione dello spot.
La risposta? Perfettamente allineata con la voce delle multinazionali: l’olio di palma non fa male e la certificazione di sostenibilità è la soluzione ai devastanti problemi ambientali.
Allora siamo salvi! Aziende e pubblicità responsabili = cittadini tutelati.
INVECE NO, perché la SOSTENIBILITÀ DELL’OLIO DI PALMA NON ESISTE:
– per l‘ambiente: le piantagioni di olio di palma nascono nelle zone sub-tropicali sulla distruzione di terreni forestali. La distruzione ha effetti catastrofici sulle specie animali e vegetali- perdita biodiversità- http://oliodipalmainsostenibile.it/olio-di-palma-e-ambiente/ e contribuisce al cambiamento del clima, creando effetti che ricadono sempre di più sulla nostra vita quotidiana.
– per la salute: nell’olio di palma si trova una concentrazione molto alta di acido palmitico (circa il 44%) a cui molti studi associano un aumento del colesterolo e del rischio cardiovascolare. Tra questi l’OMS, il Center for Science in the Public Interest (CSPI), l’associazione American Heart Association e l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (ripresa anche dal Consiglio superiore della salute del Belgio)- http://oliodipalmainsostenibile.it/olio-di-palma-e-salute/

SIAMO STUFI DI ASCOLTARE QUESTE MENZOGNE! NON CI FERMEREMO!

Informati su www.oliodipalmainsostenibile.it ed iscriviti agli aggiornamenti per seguire i prossimi passi della campagna.

Previous post

Diga Gibe III, azienda italiana uccide indigeni e distrugge patrimonio naturale

Next post

Glifosato: studio shock, 99 per cento dei tedeschi presenta residui