AgricolturaAmbienteEcologiaPoliticaSalute

STOP AI MACELLI DEGLI ORRORI!

STOP AI MACELLI DEGLI ORRORI! SU LEX LA MIA PROPOSTA DI LEGGE PER DIRE BASTA A QUESTA SITUAZIONE INSOSTENIBILE!

La nostra proposta di legge sui macelli è approdata su LEX per essere sottoposta agli iscritti del MoVimento 5 Stelle​. Aspettiamo le vostre idee, critiche, suggerimenti. Si tratta di un tema importantissimo! I macelli sono luoghi in cui si consuma l’assurdità di come viene prodotto il cibo che mangiamo: un sistema che danneggia la nostra salute, oltre che degli animali.

Gli animali allevati in Italia nascono, crescono e muoiono in condizioni al limite della barbarie: sovraffollamento, stress, maltrattamenti, condizioni igieniche preoccupanti. Spesso gli animali negli allevamenti vivono letteralmente immersi nelle proprie feci.

Con tutto ciò che ne consegue: infezioni, pus, malattie, anche molto gravi, come tumori. Una situazione che spinge ad un abuso di farmaci e antibiotici: pensate che il 70% degli antibiotici usati in Italia si utilizzano negli allevamenti, con un consumo doppio rispetto a Germania e Regno Unito. L’abuso crea batteri sempre più resistenti, che minacceranno sempre di più la nostra salute: uno studio inglese stima 10 milioni di morti all’anno per antibiotico-resistenza, nella sola Europa entro il 2050.

Al momento della macellazione la situazione è tragica: maiali trascinati per le orecchie o spinti a calci per obbligarli a entrare nel macello. Quelli più deboli, accasciati al suolo, vengono pungolati con scosse elettriche. Altre scosse si usano per stordirli, ma in tanti si ritrovano coscienti prima di morire da appesi tramite dissanguamento. Lacerazioni muscolari e panico sono la norma. Dopo il dissanguamento vengono immersi in una vasca di acqua bollente per facilitare il successivo spellamento. A causa del ritmo frenetico delle operazioni a volte qualcuno di loro arriva ancora vivo e muore affogato

Sono ormai numerosi i veterinari e gli studi che affermano la diretta correlazione tra i gravissimi maltrattamenti subiti dagli animali, il trascinamento delle carni a terra prima della macellazione e i rischi sanitari per il consumatore. Come è stato certificato anche dall’Istituto Zooprofilattico di Torino, le carni degli animali macellati in queste condizioni presentano una elevatissima carica batteriologica, fino a 50 volte superiore al consentito.

Malgrado ciò i controlli continuano ad essere scarsi e inefficaci, anche a causa di frequenti collusioni tra chi controlla e chi viene controllato.
Per fortuna i consumatori sono sempre più sensibili e interessati all’argomento. E forse proprio per questo, vengono tenuti sempre più all’oscuro.

Questa proposta di legge vuole rispondere a queste necessità.

Noi chiediamo più controlli da parte dei veterinari, in modo che possano sanzionare di più e fare controlli più efficaci, ad esempio inserendo il principio della rotazione. Cosa significa? Fare in modo che i veterinari non controllino sempre gli stessi macelli, per dire stop a quei fenomeni di connivenza tra controllati e controllori e stop alle minacce.

Vogliamo migliorare la sorveglianza tramite telecamere a circuito chiuso e vogliamo che gli operatori siano meglio formati.
Questo assicurerebbe condizioni più dignitose agli animali e macelli con standard di igiene adeguati ad un Paese civile.
Questo è un primo passo verso una direzione chiara e precisa: rendere davvero trasparenti le pareti di questi luoghi e fare del cittadino un consumatore consapevole, informato e davvero libero di scegliere.

Previous post

Settimana internazionale contro i Pesticidi: dal 20 al 30 marzo facciamoci sentire!

Next post

Allevamento intensivo: paese che vai, schifezze che trovi (e che importi)