AlimentazionePoliticaSalute

Latte artificiale per neonati: è allarme contaminanti

Mentre alcune agenzia di stampa italiane s’impegnano a diffondere fakenews, riportando come attuali notizie risalenti al marzo 2016, e facendo passare il Stiftung Warentest, sito di un’associazione dei consumatori tedesca, più autorevole dell’Efsa, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare e dello Jecfa, il comitato congiunto Fao-Oms sugli additivi alimentari, testmagazine.it riporta l’ennesimo studio che denuncia…

READ MORE →
EFSA
AgricolturaAlimentazioneAmbienteOlio di palma insostenibile

10 COSE DA SAPERE SUL RAPPORTO DELL’EFSA SULL’OLIO DI PALMA

Il 3 maggio l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha decretato il  pericolo, soprattutto per le fasce più giovani di popolazione, dovuto alla presenza di  contaminanti cancerogeni e genotossici nell’olio di palma. Anche se il messaggio dell’Efsa è molto chiaro, come spesso accade quando quando in gioco ci sono soldi e interessi, media e politica latitano. E così, invece di prendere una posizione chiara contro una sostanza altamente pericolosa per la salute dei cittadini, cercano di tergiversare, sminuire l’allarme, limitare i danni che lobby e multinazionali del settore stanno subendo. E lo fanno, ovviamente, a discapito della salute pubblica. Noi, che da tempo combattiamo contro l’utilizzo dell’olio di palma, ci teniamo invece a fare chiarezza. Ecco quindi dieci punti insindacabili riguardanti questa sostanza. 1…

READ MORE →
AgricolturaAlimentazioneAmbienteOlio di palma insostenibile

PALMA-LEAKS: TUTTI SAPEVANO, MA SOLO ORA SE NE PARLA

Ora che l’Efsa ha definitivamente messo in chiaro che le sostanze tossiche contenute nell’olio di palma e in tutti gli alimenti che lo contengono sono gravemente pericolose, cancerogene e genotossiche, anche se assunte in minime quantità, il castello di bugie a favore di questa sostanza sta crollando palesemente. E chi anche in Italia fino all’altro giorno non ha fatto altro che arroccarsi in difesa dell’olio di palma oggi non può far altro che abbassare i toni e chiedere aiuto alla Ministra per la Salute Beatrice Lorenzin affinché – invece di disporre l’immediato ritiro dal mercato di tutti i prodotti a rischio – rinvii alla Commissione europea ogni decisione sul da farsi. L’importante del resto è temporeggiare per non perdere ingenti guadagni… e chi se ne frega della salute! Salute che in questo caso è davvero a rischio! Soprattutto quella di bambini e adolescenti, …

READ MORE →