AgricolturaAlimentazioneAmbienteAzioni discusse con i cittadiniEcologiaEconomiaFuturo SÌ Futuro NO

Alternative al PIL

“Il Benessere di una nazione non può essere facilmente desunto da un indice del reddito nazionale”. Questa affermazione non è di qualche seguace della decrescita, ma di Simon Kuznets, l’inventore del Prodotto Interno Lordo (PIL). Del resto, chi meglio di lui poteva conoscere i limiti di un parametro come quello da lui creato, a partire appunto dalla sua capacità di misurare il benessere dei popoli o delle persone? Eppure, l’economista statunitense di origine bielorussa vinse nel 1971 il Nobel per l’economia proprio per “la sua interpretazione, empiricamente fondata, della crescita economica, che ha portato ad una nuova e più approfondita analisi della struttura sociale ed economica e del suo processo di sviluppo”. E la sua creatura domina ancora oggi le decisioni di politica economica in quasi ogni angolo del pianeta. Con conseguenze devastanti per la società, l’ambiente e, paradossalmente, per la stessa economia. L…

READ MORE →
AmbienteEconomiaLavoroPolitica

La corruzione frena il vero sviluppo

Lo abbiamo sentito tante volte: l’innovazione è la chiave della prosperità. Bene, una volta capito cosa significa innovazione e cosa significa prosperità (se pensate solo al cemento o fatto di avere tanti soldi vi state sbagliando), resta un problema non da poco da affrontare, soprattutto in un paese come il nostro: la corruzione. Secondo un interessante articolo pubblicato su Nature, infatti, questa vera e propria piaga non permette un pieno sviluppo delle nuove tecnologie e, di conseguenza, una efficace protezione dell’ambiente in cui viviamo. “L’innovazione è la chiave per la prosperità”, viene scritto infatti sulla prestigiosa rivista: “Ma la corruzione è nemica dell’innovazione”. Perché? Perché la corruzione…

READ MORE →
AgricolturaEcologiaEconomiaLavoroTutela del territorio

EVA, nuovi modelli di società

A Pescomaggiore, alle porte de L’Aquila, sorge l’Eco-Villaggio Autocostruito (EVA). Lì, un gruppo di ragazze e ragazzi da qualche anno sta affrontando energicamente non solo la crisi, ma anche l’eventualità di doversene andare in seguito al terremoto di quel terribile 6 aprile 2009 che ha lasciato senza casa anche alcuni di loro. In Abruzzo si attende ormai da lungo tempo la ricostruzione, ma le risorse mancano e la speculazione regna sovrana. È per questo che alcune persone hanno deciso di riprendersi in mano il proprio futuro, ristabilendo una relazione virtuosa con il territorio e reinventando il concetto di casa. Nasce così l’eco-villaggio di case di paglia. La manodopera ce la mettono i cittadini, i materiali ce li mette il territorio, grazie alle risorse vegetali dei campi di cui dispone. Pochi ingredienti per dare luogo a un esempio umano e civico senza precedenti. Cittadini che si auto-costruiscono delle a…

READ MORE →