TTIP

TTIP, persa una battaglia, non la guerra

Ieri è stata una giornata parecchio triste per la democrazia. Nonostante la consultazione pubblica lanciata proprio dalla Commissione europea abbia ricevuto il 97% delle risposte contrarie all’ISDS, la Commissione Commercio Internazionale del Parlamento europeo ha approvato le proprie raccomandazioni alla Commissione stessa, che sta conducendo i negoziati sul TTIP.

Come la nostra Tiziana Beghin conferma in un breve video-messaggio, il Parlamento europeo (unica istituzione Ue di cui possiamo eleggere i membri) non rappresenta affatto i cittadini, ma l’interesse di pochi: i più forti. Anche alla faccia dei quasi due milioni di firme raccolte dalla petizione contro il peggiore accordo commerciale mai concepito nella storia.

Questo assurdo voto è arrivato anche da deputati italiani che, forse perché provenienti da un paese che più di altri ci rimetterebbe in caso di approvazione dell’ignobile trattato transatlantico, fino al giorno prima si professavano suoi estremi oppositori. Ma che, guarda caso, hanno cambiato idea nel corso della notte precedente il voto.

Come dice Tiziana, però, “la prima battaglia è stata persa, ma la guerra è ancora molto lunga e dall’esito impronosticabile: il nostro spirito battagliero ci impone di non arrenderci, e vi promettiamo che non lo faremo!”

Per maggiori informazioni sull’esito del voto, clicca qui.

Previous post

Nessun consenso sulla sicurezza degli Ogm

Next post

Xylella, non peggioriamo la situazione!