Salute

Barriere architettoniche: dove sono finiti quei soldi?

Bollla nell'aria di Skley

Foto senza barriere di Skley

Contributi vincolati contro le barriere architettoniche: dove sono finiti quei soldi?

Su segnalazione di una cittadina, abbiamo scoperto che nel Comune di Crescentino (Vercelli) per il biennio 2012-2013 non è stato possibile usufruire dei fondi vincolati per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.

I soldi non ci sono, gli enti come al solito piangono… Ma dove è andato a finire il contributo, per giunta vincolato e dunque non distraibile?

Il fondo in oggetto, trasferito dal Ministero della Salute agli enti regionali e che vede i Comuni attivi nella fase di istruttoria, agevola chi intende eseguire l’installazione nella propria abitazione di alza tapparelle elettrici, accessione luce mediante fotocellule etc.

In una parola, “domotica”: la casa del futuro a misura di un essere umano con difficoltà motorie (potremmo esserlo tutti un giorno o per qualche tempo!).

Il Comune di Crescentino dice di non aver ricevuto alcunché dalla Regione, che a sua volta rimanda a Roma per chiarimenti.

Per questo, tramite un’interrogazione parlamentare, abbiamo chiesto al Ministero della salute e al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di approfondire la vicenda.

Tra Stato, Regione e Comune davanti a quale “barriera” si sono fermati i finanziamenti?

Regione (al collasso) e Comune di Crescentino (a fine mandato) ci risponderanno prima?

I cittadini chiedono e prendono iniziativa, gli enti locali che fanno?

Confidiamo in una presa di responsabilità degli enti e nella pronta risposta dei ministri interpellati.

Interrogazione

Mirko Busto – deputato M5S

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

Briganti e testimoni?

Next post

Eroi che non vorrebbero essere tali