AmbienteEnergia

Fondi Scanzano Saluggia: aiutano davvero l’ambiente?

Fondi Scanzano Saluggia (Vc): aiutano davvero l’ambiente?

Grazie agli attivisti M5S, ho scoperto un caso ambientale e che coinvolge una quantità considerevole di denaro pubblico.

Con i colleghi portavoce, come M5S ho chiesto chiarezza sulla definizione di misure di compensazione in campo ambientale per i territori interessati, anche soltanto perché limitrofi, dalla presenza di centrali nucleari e impianti del ciclo del combustibile nucleare fino al definitivo smantellamento con il deposito unico nazionale.

Analizzando il mio territorio – il Piemonte, che detiene il record di rifiuti nucleari con il 96% delle scorie divise tra i comuni di Bosco Marengo, Trino e Saluggia – ho seguito insieme agli attivisti locali la singolare vicenda del comune di Saluggia (Vercelli), dove il primo cittadino Firmino Barberis utilizza 171mila euro dei fondi Scanzano 2012 per non far pagare la Tasi (ex Imu) ai suoi concittadini.

Un gesto apprezzabile in tempi di crisi, ma che nulla ha a che vedere con la destinazione d’uso degli stessi fondi!

I fondi Scanzano sono erogati per compensare le popolazioni della vicinanza a pericolosi rifiuti radioattivi e in tal senso dovrebbero essere usati in ottica ambientali, informativa e di prevenzione del rischio nucleare.

Il paragone non è ovviamente un confronto politico, però a pochi chilometri, nel comune di Trino 1 milione e 315 mila euro di fondi Scanzano sono utilizzati dal sindaco Alessandro Portinaro per qualcosa di decisamente più duraturo e coerente, come l’efficienza energetica di alcuni edifici.

Con i fondi Scanzano nel vercellese si è fatto e si progetta un po’ di tutto: dalla costruzione di un ecocentro ad Asigliano Vercellese, alle migliorie per un parco acquatico troppo rumoroso a Tricerro.

Il Governo, che avvalla tali progetti tramite il Cipe, deve quindi dare una volta per tutte una definizione univoca di misura di compensazione, tenendo conto che non si tratta di fondi strutturali e definitivi, ma legati a una contingenza si spera di breve periodo.

Dobbiamo fare chiarezza, non per privare i territori di un’importante risorsa compensativa, ma perché questa sia finalizzata veramente al recupero ambientale.

Gli esempi virtuosi e positivi ci sono già, attendiamo dal Governo risposte chiare.

Infine, sull’incontro con il presidente Sogin avvenuto a Trino martedì scorso, con associazioni e cittadini torno a chiedere la costituzione di un osservatorio a Vercelli sul nucleare, come da richiesta di cui mi sono fatto portavoce al Governo lo scorso anno.

Carlo Martelli – senatore M5S
Mirko Busto e Davide Crippa –deputati M5S
Giorgio Bertola – capogruppo M5S Regione Piemonte
Paolo Andrissi, Consigliere M5S Regione Piemonte
Fondi Scanzano Saluggia (Vercelli) interrogazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

Fracking, ennesimo conflitto di interesse Ue

Next post

Ecoreati, persa occasione storica