EnergiaMinipost

Nucleare, tra multe e scarsi controlli

In nucleare in Italia è un punto dolente di qualsiasi Governo, che oscilla tra la scarsa attenzione alla volontà dei cittadini e la scarsissima attenzione alla sicurezza dell’ambiente e degli stessi italiani.

Sapete che tra le numerose infrazioni che ogni giorno paghiamo all’Unione Europea ce n’è una sul mancato recepimento della direttiva Euratom che fissa alcuni punti fermi sulla gestione del nucleare nei paesi UE?

In base alla direttiva, per fortuna l’Italia questo marzo ha annunciato l’attivazione dell’Isin, ispettorato per la sicurezza nucleare e la radioprotezione.

Ma che fine ha fatto questo organismo di controllo?

Ne avete mai sentito parlare?

Per questo chiediamo al Governo, e in particolare al Ministero degli Esteri, di fare chiarezza al più presto sul ruolo dell’Isin e di renderlo effettivamente attivo.

Il vostro portafogli e la vostra salute sono in pericolo!

Fate girare questa notizia!

Testo interrogazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

M5S, diritti e buon senso

Next post

San Pancrazio, dalla meraviglia allo sconcerto