Ambiente

Replica all’assessore provinciale di Vercelli sulla qualità dell’aria

La foto alle stoppie in fiamme scattata il giorno 11/11/2013

La foto scattata il giorno 11/11/2013

Articolo inviato e apparso su La Sesia (bisettimanale di Vercelli e provincia) martedì 26/11/2013 a pagina 2.

<<Gentile Direttore,

in merito alla risposta apparsa a pagina 7 de La Sesia di venerdì 15 Novembre a firma dell’assessore provinciale Davide Gilardino, sono a chiederLe cortesemente un diritto di replica per chiarire e approfondire alcune affermazioni fatte dallo stesso amministratore nella missiva inviata e pubblicata dal Vostro giornale.

15/11/2013 Gilardino (PDL) a Busto (M5S)

15/11/2013 Gilardino a Busto

In particolare, l’assessore riporta che “le centraline dell’Arpa stanno riscontrando una situazione ottimale dell’aria”.

Con il beneficio del dubbio che la missiva di Gilardino sia stata scritta prima di mercoledì 13 c.m., segnaliamo che, interrogando il sito web Sistema Piemonte, proprio tale giorno e il seguente i livelli di PM10 si innalzano rispettivamente a 38 e 39 ug/mc come valore medio della provincia. Sempre il 13 e il 14 il livello PM10 della centralina di corso Gastaldi “schizza” rispettivamente a 76 e 55 ug/mc.

Ricordiamo che Il valore medio giornaliero da rispettare per garantire la protezione della salute umana è fissato a 50 microgrammi al metro cubo.

Si tratta di dati condivisi nella rete internet e, con un po’ di manualità e pazienza, ricavabili da tutti i cittadini giorno per giorno.

Segnaliamo anche che, proprio sul sito della Provincia di Vercelli, è fruibile il ben noto report mensile sul valore medio del PM10. Per il mese di ottobre, un colore rosso diffuso ci ricorda gli sforamenti delle centraline Arpa vercellesi: la centralina campo Coni a fine ottobre 2013 contava 41 sforamenti, corso Gastaldi ben 54 sforamenti quando il valore non può essere superato più di 35 volte durante l’intero anno.

Inoltre, quando Gilardino afferma che, tra le concause della supposta situazione ottimale dell’aria nei giorni passati c’è anche il “vento dei giorni scorsi”, implicitamente concorda con quanto rilevato e segnalato dagli attivisti del gruppo M5S di Vercelli: quel lunedì 11 novembre la nostra pianura era battuta da un forte vento.

E non è forse nell’articolo 2 del regolamento provinciale per l’abbruciamento delle stoppie del riso che si ricorda come tale pratica debba essere effettuata “in assenza di vento”?

Purtroppo i dati Arpa contraddicono le opinioni dell’assessore sulla qualità dell’aria e anche i recenti studi epidemiologici sui tumori sul nostro territorio non sembrano offrire un quadro così roseo, tutt’altro…

Anche in relazione a quanto riportato ci auguriamo che vada finalmente in porto il Registro Tumori sul Vercellese, per avere una piattaforma certa sulla qualità ed i rischi del vivere nel nostro territorio.

Quanto alla mia supposta irreperibilità, tengo a precisare che in linea con lo spirito di confronto e dialogo con cittadini e istituzioni che caratterizza il MoVimento, abbiamo messo a disposizione vari canali di comunicazione a disposizione di tutti i cittadini, quindi, ovviamente, anche dell’assessore Gilardino. Purtroppo non mi risulta di aver ricevuto ripetute sollecitazioni da parte sua. Rimango quindi a completa disposizione (ovviamente impegni istituzionali permettendo), ricordando anche la mia mail istituzionale Camera: busto_m@camera.it.

_

Attendo dunque nuove dall’Assessore Gilardino e ringrazio la Vostra testata nella preziosa sensibilità dimostrata nel dare rilievo a temi ambientali>>.

Cittadino Mirko Busto – capogruppo M5S Commissione VIII Ambiente alla Camera ed ingegnere ambientale

Link Sistema Piemonte: http://www.sistemapiemonte.it/ambiente/srqa/conoscidati.shtml

Link report mensile Pm10 Arpa: http://www.provincia.vercelli.it/download/20131106-1909-102013-ottobre-PM10.pdf

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

5Stelle in Movimento per il Piemonte!

Next post

#OLTRE3VDAY, interdipendenza e comunità: perché l’Italia è un esperimento per le comunità?