Energia

5Stelle in Movimento per il Piemonte!

Durante il fine settimana, con alcuni colleghi della Camera Eleonora Bechis, Silvia Benedetti, Cristian Iannuzzi, Paolo Romano e Stefano Vignaroli abbiamo partecipato ad un’importante iniziativa organizzata dal Gruppo 5 Stelle di Biella: L’abbiamo denominata “SpazzaTour” perché ci siamo mossi tra alcuni dei luoghi più malmessi della Regione in termini di inquinamento e offesa all’Ambiente. Nel dettaglio:

Sabato mattina (23 nov) insieme ad un cospicuo gruppo di attivisti abbiamo visitato il deposito nucleare Eurex di Saluggia in provincia di Vercelli, sul quale abbiamo già depositato un’interrogazione che attende risposta _ 

Visita Eurex M5S novembre 2013

Personale della Sogin _ l’azienda addetta al decommissionig del nucleare italiano ci ha illustrato il processo di solidificazione di rifiuti liquidi adottato nel sito, che consiste nella cementificazione (Cemex) delle scorie e stoccaggio temporaneo delle stesse, in attesa di trasportarle presso il Deposito Nazionale. Abbiamo chiesto delucidazioni in merito al processo di inertizzazione prescelto. Secondo la comunità scientifica internazionale, il processo di cementificazione, autorizzato dalla Commissione del Ministero dell’Ambiente, risulterebbe infatti in primis poco sicuro, in quanto non esiste ad oggi una miscela di cemento in grado di inertizzare scorie radioattive, oltre che nettamente svantaggioso da un punto di vista economico. Secondo le ricerche da noi effettuate, il processo di vetrificazione costerebbe la metà e consentirebbe, attraverso un processo di fusione di immagazzinare all’interno di un reticolo vetroso metalli pesanti ed eventuali elementi radioattivi, che rimarrebbero lì stoccati senza rischi di perdite.

 Abbiamo ispezionato la vasca Wp 719, piscina di stoccaggio a cielo aperto ad un passo dal fiume e dall’acquedotto, tristemente famosa per i livelli di radioattività al di sopra dei consentiti denunciati dall’Ispra e per le perdite di materiale radioattivo (Saluggia è zona alluvionale!). Le operazioni di svuotamento e bonifica si sono finalmente concluse.

Resta ancora tanto da fare considerando che il termine definitivo dei lavori di bonifica dell’Eurex è previsto nel 2029. Restano le perplessità sulla localizzazione del deposito, in un’area fortemente antropizzata, ad un passo dalla Dora Baltea e a potenziale rischio contaminazione dei pozzi dell’acquedotto del Monferrato.

deposito D2 Saluggia (Vercelli)Vasca Wp719 (Saluggia, Vercelli)

Con il contatore geiger, da un’idea del collega astigiano Paolo Romano, abbiamo monitorato i livelli di radioattività, espressi in microsievert, dall’entrata sino all’uscita dell’impianto, riscontrando livelli sempre nella norma. Nella vasca WP719 abbiamo riscontrato le radiazioni più alte (0,60 microsievert, foto in alto).

In attesa che il Ministro dello Sviluppo economico risponda ai nostri quesiti cercheremo di tenere sotto controllo il sito nucleare avendo cura per lo stato dei lavori della Sogin al fine di evitare ritardi sulla tabella di marcia della dismissione.

Deposito D2 Saluggia interno

Eurex (Saluggia) così vicino alla Dora

A seguire, lo SpazzaTour si è spostato in Valledora, il luogo che abbiamo definito una miscela tra Gomorra e BladeRunner per la sua vastità ed il suo stato attuale_ A ridosso delle discariche e delle cave, dove un tempo regnavano splendidi frutteti siamo stati accolti dai membri del Movimento Valledora, ai quali va il nostro ringraziamento particolare per l’impegno profuso in amore della terra. E’ fondamentale che nonostante la situazione vi siano persone fortemente motivate sulla strada del rinnovamento etico nei confronti dell’ambiente e le risorse naturali. La nostra presenza in questi luoghi è solo l’inizio di un cammino che siamo certi porterà un giorno alla rinascita della valle.

Discarica Tronzano SpazzaTour 2013

Ci siamo spostati da Tronzano e quindi verso la discarica di Cavaglià: un bestione di 1 milione e duecentocinquantamila metri cubi di rifiuti industriali… una delle tante discariche che da anni deturpa salute e paesaggio dell’Italia.

Discarica Cavaglià

 

Discarica Alice Castello

 Come ultima tappa, abbiamo sostato presso la discarica di Alice Castello, un’informe massa di oltre 1 Milione e 500 mila m3 di rifiuti solidi urbani.

Come illustrato dal collega Stefano Vignaroli, sarà qui che verranno versati i rifiuti provenienti da Roma, dopo la chiusura dell’affaire Malagrotta… La discarica di Alice è già tristemente famosa per le perdite di percolato e contaminazione delle falde, su una zona di ricarica della falda acquifera. Anche in questo caso, in collaborazione con il Movimento Valledora ed i nostri rappresentanti territoriali terremo costantemente il focus acceso per evitare ulteriori danni all’Ambiente ed alla salute delle persone.

Altri contributi apparsi sui media dopo la nostra visita:

Video Valledora a cura di Marco Rodella

La Stampa del 26/11/2013 su SpazzaTour Valledora

La Stampa del 26/11/2013

La serata ha trovato poi il suo degno epilogo con il bellissimo incontro/ festa di autofinanziamento organizzata dal M5S di Biella.

Serata M5S Biella novembre 2013

Un caloroso grazie a tutti  cittadini che hanno contribuito alla realizzazione dello SpazzaTour e un augurio affinché ognuno di noi possa sentirsi parte attiva di questo Movimento per il bene del nostro Ambiente e delle generazioni future! Da parte mia mi sto impegnando al massimo e spero di essere all’altezza dei compiti che sento di aver assunto.

Con cordialità e amicizia

Mirko Busto – portavoce 5Stelle alla Camera dei deputati

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

Tutte le cose sono collegate, qualunque cosa succeda alla terra succede ai figli della terra.

Next post

Replica all'assessore provinciale di Vercelli sulla qualità dell'aria