Ambiente

Un tappeto magico per andare a Cairo Montenotte

Tappeto magicoOggi pomeriggio avrei avuto bisogno di un tappeto magico per andare da Roma sino a Cairo Montenotte, in provincia di Savona.

Infatti, in tarda mattinata mi è stata confermata la possibilità di partecipare a un tavolo tecnico, che avrà come oggetto la qualità dell’aria della Val Bormida e, dunque, di riflesso la salute di tutti gli abitanti della zona.

Peccato che il tavolo avrà luogo sempre oggi, nel primo pomeriggio, a 500 km circa dalla Camera dei deputati!

Dopo le vicende giudiziarie legata alla Tirreno Power di Vado Ligure, seguite da attivisti e colleghi portavoce del MoVimento, in queste ore si è parlato di un altro impianto carico di anni di servizio: la cokeria Italiana Coke situata in frazione Bragno a Cairo Montenotte.

Ieri, dalla stampa locale, ho appreso della convocazione di un tavolo operativo fissato presso il Comune di Cairo e riunito in merito alla qualità dell’aria rilevata alla cokeria.

Alla mia richiesta di inviare un delegato come semplice uditore, la Provincia poche ore fa risponde di sì… basta che l’audizione abbia luogo esclusivamente con la mia presenza!

Risposta a Mirko Busto M5S da Provincia Savona

Forse gli amministratori locali sono talmente assuefatti ai metodi della vecchia politica da ritenere possibile per un portavoce dei cittadini abbandonare i lavori del Parlamento e imbarcarsi su un aereo, magari privato.

O magari ancora salire su un’ambulanza lanciandola a sirene spiegate…

Resto in ogni caso disponibile a un collegamento telefonico o internet sulla delicata tematica.

Richiedo anche, facendomi portavoce di attivisti e cittadini, gli atti oggetto della discussione di oggi.

Come M5S, ripetiamo che a noi cittadini debbano essere forniti strumenti adeguati per essere informati su questioni che riguardano i beni comuni e la nostra stessa salute.

Mirko Busto – deputato M5S

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post

Sulle scuole, le risorse di #Renzie sono zero!

Next post

Semi che volano sul territorio